M A R M O R A


La maggior parte

delle decorazioni di marmo e molti dei blocchi di travertino e di tufo sono stati asportati nei secoli dall'anfiteatro ed utilizzati per innumerevoli costruzioni. Cosa è rimasto delle decorazioni marmoree del Colosseo?

Si sa che gli elementi di marmo erano:

Gli archeologi hanno trovato:

Una monumentale iscrizione, dispersa in più di 100 frammenti, è stata di recente ricomposta. L'iscrizione, datata circa 443-444, celebra il restauro dell'arena e del podio, che erano rimasti danneggiati da un alluvione, da parte del prefetto Flavio Paolo. L'iscrizione era sul podio, tutto intorno all'arena. Era ripetuta due volte, così che tutti potessero leggerla interamente. Questa iscrizione ne sostituiva una precedente, datata 411, ma i blocchi stessi erano stati posti nel terzo secolo, in occasione di un restauro effettuato da Onorio o Teodosio II. 

Quello che è interessante è il fatto che i blocchi non sono stati cavati per l'occasione, ma che sono riciclati da un altra costruzione, dove probabilmente servivano da basamento di una barriera, perché sul retro portano i caratteristici rilievi di una base. Questo quindi proverebbe che la pratica di riutilizzare materiali nel Colosseo apparve già dal III secolo.

Un'altra prova dei profondi cambiamenti apportati alla fabbrica originale nel III secolo viene dai capitelli delle colonne, una volta posti nel portico in summa cavea. Ne sono stati trovati 65, di diversi tipi, ovvero frutto di diversi restauri e databili in età diverse. Ma quello più interessante per gli archeologi è un capitello che appartiene ad una tipologia prevalente (32 esemplari, 2/3 del totale) ed è stato ricavato da un blocco di marmo che porta ancora una dedica all'imperatore Traiano. Il fatto che sia stato usato un marmo riciclato da un monumento traianeo implica che quella serie di capitelli è stata sicuramente realizzata in età posteriore.

La maggior parte dei capitelli e delle basi sono state datate intorno alla prima metà del terzo secolo; alcuni risalgono al secondo, ma la cosa singolare è che nessun elemento risale all'età flavia. Questo dovrebbe provare che l'anfiteatro subì danni e rimaneggiamenti così profondi che nessun elemento di marmo del portico superiore è sopravvissuto al secondo secolo. La datazione dei marmi rinvenuti evidenzia con una certa precisione che due grandi restauri del Colosseo furono effettuati nel terzo secolo: il primo iniziò probabilmente ai tempi di Macrino, dopo un incendio, e terminò con gli Antonini, e il secondo con Gordiano III o Decio. Altri capitelli sono databili intorno al secondo quarto del quinto secolo, forse dopo il terremoto del 443-444.

La maggior parte delle informazioni e delle illustrazioni su questa pagina sono tratte da P. Pensabene - Elementi architettonici in marmo. In AA.VV.-  Anfiteatro Flavio - Immagine Testimonianze Spettacoli - Quasar, 1988

logowhitesm.jpg (9777 byte)

I M M A G I N I

 

transennasm.jpg (29661 byte)
La ricostruzione di un ingresso della cavea

 

transenna2sm.jpg (18913 byte)
un frammento della transenna

 

inscrsm.jpg (15448 byte)
L'iscrizione

 

gradinatesm.jpg (18917 byte)
Alcune gradinate ricostruite

 

capitellosm.jpg (13198 byte)
Un capitello del tipo prevalente