C I R C E N S E S

Ut quisquem vicerit occidat - Uccidi il vinto chiunque esso sia

glads3.jpg (83010 byte)

I Romani godevano
di spettacoli gratuiti: ai cittadini erano offerti banchetti e spettacoli del circo o dell'anfiteatro da parte dei ricchi e famosi. I giochi erano offerti dall'imperatore per primo, e dalla nobiltà, per ottenere consenso sociale. I cittadini venivano dunque gratificati con panem et circenses per distrarre la loro attenzione da problemi più importanti. Il calendario annuale e l'organizzazione dei ludi, i giochi in onore degli dei, erano all'inizio regolati dalla legge, poiché i giochi erano iniziati come cerimonie religiose. Più tardi, quando privati cittadini si accollarono le spese della "produzione", il carattere sacro dei giochi venne quasi dimenticato.

I giochi più popolari erano i ludi circenses, ovvero le corse dei carri, che avvenivano nel circo, e le naumachiae, battaglie navali riprodotte in bacini costruiti allo scopo . I Ludi Gladiatori nell'anfiteatro erano meno frequenti, ma immensamente popolari. Essi erano generalmente accompagnati da una venatio, ovvero una caccia simulata di animali selvaggi (uno spettacolo che talvolta comportava l'esecuzione di condannati a morte). Nell'anfiteatro si mettevano in scena anche le silvae, spettacoli nei quali gli animali popolavano uno scenario agreste, e drammi che riproducevano famose storie mitologiche.

logowhitesm.jpg (9777 byte)

I M M A G I N I

 

glads5sm.jpg (23738 byte)
Un vincitore

 

glads7sm.jpg (15286 byte)
Le statuette dei gladiatori erano molto diffuse

 

elmo3sm.jpg (14036 byte)
Un elmo di bronzo trovato a Pompei